Spedizione gratuita da 400€

Come conservare il reggiseno? Ecco i nostri consigli

da | 29/06/2023 | Mini Guide | 0 commenti

Prendersi cura della propria lingerie è fondamentale per preservare la qualità, l’efficacia e la durata dell’intimo che abbiamo acquistato. Dopo averti svelato i nostri segreti su come conservare nel tempo le mutandine, passiamo al reggiseno. Sei pronta a segnare tutti questi trucchetti?

 

Prendersi cura del reggiseno 

Primo piano reggiseno Clara Intimo indossato da una modella

Il reggiseno è una parte fondamentale del guardaroba di ogni donna. Chi lo ha inventato e come si è evoluto negli anni? Scoprilo qui. 

Quest’indumento non solo serve a sostenere e modellare il seno, ma contribuisce anche a definire il nostro stile e la personalità. Nonostante ciò, spesso non gli dedichiamo le cure necessarie per mantenerlo intatto nel tempo. Questo a partire dal modo in cui lo indossiamo: infatti, per comodità, siamo abituate a chiudere prima i gancetti per poi roteare la fascia dal lato delle coppe sul seno e solo alla fine infilare le braccia nell’area delle bretelle.

Questo metodo, seppur sia il più semplice, è anche quello più usurante. Inoltre, non è l’ideale per garantirti la perfetta vestibilità. Il processo migliore per indossare correttamente un reggiseno è cominciare dal regolare le bretelle e infilare poi le braccia. Successivamente, sistemare il seno nelle coppe e solo alla fine chiudere i gancetti sulla schiena.

Per quanto questa procedura possa sembrare più lunga, è la migliore per preservare la qualità del reggiseno nel tempo e assicurarti la miglior vestibilità in qualsiasi occasione.

Scopri come scegliere la misura corretta del reggiseno qui.

La cura del reggiseno non dipende solo dal modo in cui lo indossi, bensì anche da come te ne prendi cura quotidianamente. Vediamo nel dettaglio questi aspetti.

I migliori metodi per lavare il reggiseno senza rovinarlo

Lavaggio a mano reggiseno

Prendersi cura dei propri reggiseni è importante quando acquisti indumenti di alta qualità: ovviamente, se investi denaro in capi di buona manifattura, ti aspetti anche che abbiano una lunga durata. Il destino dei tuoi reggiseni, però, dipende soprattutto da te e da come te ne prendi cura nel quotidiano. A partire proprio dal metodo di lavaggio.

Tu come lavi il tuo reggiseno? Ecco il modo corretto per farlo, sia a mano che in lavatrice.

  • Lavaggio a mano: è il metodo più delicato e consigliato per i reggiseni, soprattutto se sono realizzati in pizzo o hanno inserti in silicone. Riempire un lavabo o una bacinella con acqua fredda, aggiungere un detersivo delicato e immergere i reggiseni per almeno un’ora. Successivamente, sciacquare delicatamente sotto acqua fredda e tamponare l’acqua in eccesso con un asciugamano. Ricorda di non strizzarli torcendoli su sé stessi per evitare di deformare le coppe.
  • In lavatrice: se non hai tempo per lavare a mano i tuoi reggiseni, puoi utilizzare la lavatrice, ma con alcune accortezze. Metti i reggiseni in una rete per la biancheria per proteggerli durante il lavaggio. Imposta la lavatrice su un ciclo delicato e utilizza un detersivo non aggressivo. Evita l’uso di ammorbidente che tende a danneggiare l’elastico.

Ovviamente devi sempre controllare nell’etichetta le modalità di lavaggio che sono indicate: questa regola è fondamentale per preservare la qualità del capo.

Come stendere correttamente un reggiseno per farlo asciugare dopo averlo lavato?

Reggiseni stesi ad asciugare

Dopo aver lavato i tuoi reggiseni, il modo in cui li asciughi può fare una grande differenza nel mantenere la loro forma nel tempo. Ecco alcuni suggerimenti su come asciugarli correttamente:

  • Non strizzare: per iniziare, è importante non strizzare il reggiseno senza torcere il tessuto. Altrimenti, rischieresti di deformarlo.
  • Asciugatura all’aria: il metodo più delicato e consigliato per asciugare i tuoi reggiseni è l’asciugatura all’aria. Evita l’uso dell’asciugatrice perché il calore può danneggiare il tessuto e le strutture elastiche.
  • Stendi correttamente: il modo migliore per farlo è appenderli per la fascia centrale, in modo che le coppe siano rivolte verso il basso. Questo aiuta a preservare la forma del reggiseno nel tempo. Se non è possibile appenderlo, un’altra opzione è appoggiarlo su una superficie piana con le coppe rivolte verso l’alto.

Vietato stirare 

 

Potrebbe sembrare sorprendente, ma uno dei consigli fondamentali per la cura del tuo reggiseno è evitare di stirarlo. Non importa quanto possa sembrare stropicciato, l’uso del ferro da stiro può fare più male che bene.

Il calore e la pressione del ferro da stiro possono danneggiare il tessuto, specialmente se è fatto di materiali delicati come pizzo o seta. Inoltre, il ferro da stiro può deformare le coppe.

La struttura di un reggiseno, comprese le coppe e i ferretti, è progettata per adattarsi al tuo corpo. Stirare un reggiseno può alterare questa struttura, riducendo la sua capacità di fornire il supporto di cui hai bisogno.

Se il tuo reggiseno sembra stropicciato dopo il lavaggio, la soluzione migliore è modellare delicatamente le coppe con le mani mentre è ancora umido. Lascialo asciugare all’aria, come suggerito nel punto precedente. Questo dovrebbe aiutare a mantenere intatta la forma del reggiseno.

Come sistemare il reggiseno nel cassetto

Donna sistema reggiseni nel cassetto

Organizzare e conservare correttamente i tuoi reggiseni non solo ti aiuterà a mantenere l’ordine nel tuo cassetto della biancheria, ma contribuirà anche a preservarne la forma, la struttura e la durata. 

Un errore comune è piegare un reggiseno a metà, incastrando una coppa nell’altra. Questo può danneggiare la forma delle coppe e rovinare il fit. L’ideale, invece, è appiattirli e metterli uno sopra l’altro.

Se hai diversi tipi di reggiseni, potrebbe essere utile organizzarli per tipologia. Ad esempio, potresti avere una sezione del cassetto per i reggiseni sportivi, una per i reggiseni a balconcino, una per quelli senza spalline. Questo ti aiuterà a trovare facilmente quello che stai cercando.

I reggiseni con imbottitura o con ferretto devono essere trattati con particolare cura. Non schiacciarli tra altri indumenti può aiutare a prevenire la deformazione delle coppe o il danneggiamento dei ferretti.

Un buon metodo per organizzare e conservare i tuoi reggiseni è la coordinazione per tipologia e colore. Questo aiuta a mantenere il tuo cassetto della biancheria esteticamente piacevole alla vista e, soprattutto, a reperire più facilmente i capi che cerchi.

Come capire se un reggiseno è da buttare 

 

Ci sono molti segni che indicano quando è arrivato il momento di buttare e sostituire un reggiseno. Ecco alcuni aspetti importanti da considerare:

  • Coppa deformata: se le coppe del tuo reggiseno si sono deformate o sono diventate scomode da indossare, probabilmente è il momento di sostituirlo. Questo può accadere nel tempo a causa dell’usura, del lavaggio o semplicemente perché il reggiseno non è stato correttamente conservato.
  • Bretelle che cadono: le bretelle del reggiseno dovrebbero essere sempre aderenti e confortevoli. Se continuano a scivolare, anche dopo averle regolate, può significare che il reggiseno ha perso la sua elasticità.
  • Chiusura non funzionante: se non funziona più, diventa un gran disagio indossare il reggiseno con il rischio che si apra per un movimento di troppo… magari proprio a lavoro durante un meeting!
  • Cerchietto che pizzica: il ferretto di un reggiseno può uscire dal tessuto o anche deformarsi, rendendo la vestibilità dolorosa e scomoda nonché pericolosa.
  • Elastico allentato: se la fascia del reggiseno si allenta e non offre più un sostegno adeguato, è tempo di acquistare un nuovo reggiseno. Un buon capo di lingerie dovrebbe aderire comodamente al tuo corpo senza spostarsi o scivolare durante la giornata.
  • Materiale usurato: se il tessuto del reggiseno si è usurato, è scolorito o mostra segni di danni come lacerazioni o buchi, è il momento di sostituirlo.

Perché è importante avere cura della lingerie? 

Reggiseno modella Clara Intimo

Avere cura dei propri capi intimi non è solo un gesto d’amore verso te stessa, ma è fondamentale anche per garantirti un look impeccabile in ogni occasione. Pensa a quanto possa influire un reggiseno che ha perso la sua forma originale: non solo può creare disagio e non fornire il supporto necessario, ma può anche compromettere l’aspetto del tuo outfit.

La cura della lingerie non riguarda solo i reggiseni: gli slip meritano la stessa attenzione. Se sei curiosa di scoprire come mantenere intatti nel tempo i tuoi slip, leggi questa guida.

Per qualsiasi domanda, dubbio o curiosità, scrivici: il nostro team è sempre a tua disposizione per guidarti all’acquisto della lingerie che esalti al meglio le tue forme. 

0 0 Vota
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Inserisci la mail, clicca invio e iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutte le news e le promozioni di Clara!

Meraviglioso! Ti sei iscritto.